Il mercato digitale e gli utenti di internet in Italia

Gli italiani sempre più connessi: +35% da dispositivi mobili e storico sorpasso rispetto all’utilizzo dal pc -6% rispetto al 2014. Cresce il mercato digitale che entro 10 anni supererà l’automotive

Internet in continua crescita nelle dinamiche di consumo degli utenti Italiani
Siamo sempre più connessi al web e disponibili a cercare informazioni, acquistare beni e servizi e navigare sui social rispetto agli scorsi anni.

 

Questo lo scenario mostrato da Audiweb allo IAB Forum 2016, non del tutto inaspettato, ma che presenta qualche sorpresa specialmente per quanto riguarda la fascia 55-74 anni che aumenta la fruizione di Internet del 79% rispetto all’anno precedente.

 

Quasi il 74% degli italiani dichiara di avere accesso al web da pc e smartphone, il 30% da tablet e il 20% si divide tra consolle di gioco con connessione Internet e le Smart TV (senza considerare chi possiede due o più di questi dispositivi).

 

diffusioneinternetitalia

 

Un volume di affari che supera i 52 miliardi di euro all’anno, tra e-commerce, servizi digitali e professionali, tecnologia e pubblicità: una vera miniera d’oro per chi ha fatto della presenza sul web il suo cavallo di battaglia, proponendo sconti digitali sui propri negozi online, promuovendo siti e app mobile-friendly e affidandosi ai numerosi content marketplace per pubblicizzare i propri servizi.
I settori più in crescita? In primis l’e-commerce, che registra un aumento del 31% rispetto al 2014, complici anche la possibilità di recensire realmente i prodotti e le svendite record come il black friday, i cui ordini hanno addirittura bloccato i magazzini di Amazon in Germania; seguono advertising e marketing, in aumento dell’8%, e i servizi professionali.

 

cresita-del-digitale

 

In questi settori sono decisamente avvantaggiate le aziende che decidono di puntare su siti mobile-friendly o addirittura mobile-first e sfruttano al meglio le dinamiche dei posizionamenti SEO.

Google sostiene che circa la metà dei visitatori da mobile abbandona un sito se le pagine non vengono caricate entro 3 secondi

LEGGI ANCHE: Come facilitare e velocizzare l’attivazione e la gestione di processi di vendita on-line

 

L’accesso al web dai dispositivi: aumenta il mobile, diminuisce l’uso esclusivo del pc

L’88% degli italiani ha un accesso ad Internet, da smartphone, tablet o pc (fisso/portatile). La fruizione da dispositivi mobili è aumentata vertiginosamente, del 30-40% da tutta Italia; non si rinuncia del tutto a navigare da pc anche se il suo utilizzo esclusivo è in calo del 73%.

 

diffusioneinternetitalia

 

Le motivazioni sono da ricercare nel fatto che la maggior parte dei fruitori del web ricerca informazioni passando in maniera disinvolta da un device all’altro, aspettandosi esperienze ottimizzate e personalizzate. In questo senso le aziende stanno iniziando a puntare fortemente sulla multicanalità con nuove campagne “omni-channel“.

 

distribuzione_mezzi_contenuti

 

In base alle attività svolte, all’organizzazione della giornata, anche a seconda dell’orario, si naviga su un dispositivo, su un altro o su entrambi. Per attività lavorative, personali o che richiedono concentrazione (news, adult, gioco d’azzardo, home-banking, portali ecc) si preferisce utilizzare il pc, mentre per i contenuti più Social (messaggistica istantanea, social network, video, app, giochi, motori di ricerca, e-commerce) più dell’85% preferisce il mobile-device  più semplice, intuitivo e immediato.

 

distribuzione_mezzi_contenuti_giorno_medio

 

Per quanto riguarda le fasce orarie, mattino (9-12) e pomeriggio (15-18) si impenna l’uso del pc fisso o portatile; all’ora di pranzo e dopo le 18, invece, si preferisce navigare e consultare contenuti da dispositivo mobile.

LEGGI ANCHE: Il mobile sta cambiando il mondo dell’e-commerce

 

Le preferenze riguardo i dispositivi ed il tempo di navigazione dipendono anche dalla fascia d’età

Per farsi un’idea di che cosa cerca mediamente l’utente di Internet in Italia, bisogna anche considerare le fasce d’età: ci sono i Millennials (18-34 anni), la Generazione X (35-54 anni) e i Boomers (55-74 anni) le cui abitudini di ricerca online sono molto diverse.

 

I Millennials trascorrono sul web quasi 60 ore al mese, preferendo decisamente i dispositivi mobili (21%) e i contenuti social e di messaggistica, consultando spesso i motori di ricerca, gli e-commerce, i giochi online e le piattaforme video; nell’ultimo anno inoltre sono aumentati del 70% gli utenti che utilizzano preferenzialmente i mobile-device per navigare.

 

La Generazione X è la più equilibrata nell’utilizzo dei device, dedicando le 61 ore medie mensili a dispositivi mobili e pc e interessandosi principalmente alle news, al lavoro (email…), ai video e ai giochi online.

 

internet_generazioni

 

I Boomers, così chiamati per la decisa crescita della loro fruizione dei servizi web, trascorrono sul web circa 42 ore al mese, quasi esclusivamente da pc, lo strumento più intuitivo e classico per scoprire il mondo del mercato digitale e dei servizi online. Un aumento, quello della fascia d’età superiore ai 55 anni, del 79%.

E la televisione? Quasi tutti i giovanissimi la snobbano preferendo visionare i propri programmi preferiti sul web e su servizi di streaming online, mentre nella fascia d’età della Generazione X e dei Boomers, la tv resta il primo mezzo d’intrattenimento in casa, seppur con un calo dell’8% rispetto al 2014.

Le aziende italiane e il mercato digitale: quali prospettive?

Rispetto a tutti gli altri settori, le opportunità digitali sono in crescita del 7,2% e si prevede che entro 10 anni il mercato del digitale supererà in volume di affari quello energetico ed automobilistico.

 

proiezione-valore-economico-per-settore

 

L’era del web ha tempistiche molto rapide e alle aziende è richiesto, per emergere, di adeguarsi ai nuovi trend e alle nuove modalità di marketing e advertising.

Tra i nuovi occupati, per la maggior parte giovani della Generazione X, 220 mila sono stati assunti con il compito di implementare le possibili soluzioni digitali per espandere il mercato aziendale in Italia e all’estero: le aziende italiane quindi richiedono sempre di più persone in grado di muoversi con disinvoltura nel mondo digitale, puntando specialmente su innovazione, misurabilità dei risultati, professionalità, qualità e riduzione dei costi.

 

competenze-richieste

 

Quali competenze sono maggiormente richieste? Innanzitutto un’ottima capacità di analizzare i dati, estrapolando le informazioni essenziali e stabilendo la loro possibile utilità nel perseguire gli obiettivi aziendali; servono poi capacità di gestire i social media, di programmazione, di sintesi e di costruzione di app e siti mobile-friendly.

 

LEGGI ANCHE: AEM Mobile trasforma le tue idee in applicazioni mobile!

LEGGI ANCHE: Come gestire le esperienze digitali

Di | 2017-09-25T09:00:21+00:00 dicembre 5th, 2016|Digital Marketing, Information Technology|

L'autore:

Web Content & Social Media Manager